lunedì 18 giugno 2012

Frittura piccata della nonna....ehm scaloppina di casa per l'MTC

Print Friendly and PDF
Non me ne vogliano le signore di Menu Turistico, appena ho letto la proposta di Elisa ho subito pensato alla Frittura Piccata della nonna. Da piccola ho avuto, infatti, delle serie difficoltà a capire perchè la scaloppina di una nonna, la fettina di una zia, la frittura piccata dell'altra nonna e la piccatina di alcuni ristoranti sembrassero sempre la stessa cosa...Qualche variazione sul tema c'era, ma la base a me sembrava uguale...Non è che mi sembrava, era uguale!!!

Questa prima proposta, quindi, pur nella sua "banalità" è un omaggio alla nonna. Ho alzato il telefono e ho chiesto lumi proprio a lei.
Io: "cosa usi per deglassare?"
Lei: "Cosa?? no no non devi glassare nulla, quando la carne è ben rosolata, regoli di sale e pepe, sfumi con un po' vino bianco e se serve aggiungi un po' di brodo".
Io: "quindi come fondo di cucina usi solo del brodo, normalissimo brodo?".
Lei: "ma cosa stai dicendo? il brodo lo usi solo se serve per finire di cuocere la carne"....
Ok ok ho capito, urge riadattare la ricetta della nonna, alle regole dell'MTC di questo mese. E visto che le regole impongono un contorno, ho pensato a qualcosa di fresco e leggero che si potesse ben abbinare (mantenendo però l'idea dei sapori della cucina quotidiana di casa)....

ecco qui la
Frittura piccata della nonna (o meglio le scaloppine di casa mia) con purè freddo di zucchine e fagiolini



INGREDIENTI (per due persone mangione):
per la carne:
3 fettine di noce di vitellone
Farina
Olio EVO
Sale, pepe q.b.
1/2 bicchiere di vino bianco
1 bicchiere di brodo di carne (osso, biancostato, cipolla, sedano e carota)
Prezzemolo tritato

Per il contorno:
3 zucchine
2 patate medie
1 manciata di fagiolini
Olio
Sale
Maggiorana

Per prima cosa ho lessato le verdure: ho buttato in acqua bollente salata le zucchine (senza eliminare le estremità), quando con la forchetta ho sentito che erano cotte le ho buttate in acqua fredda corrente (l'ideale sarebbe stato usare acqua e ghiaccio ma non avevo il ghiaccio). Nella stessa acqua ho cotto i fagiolini, buttando poi anche loro in acqua fredda. Ed infine le patate già sbucciate.
Una volta che le zucchine si sono raffreddate bene, le ho tagliate a pezzetti e frullate con il frullatore ad immersione, aggiungendo un po' di maggiorana e l'olio e assaggiando finchè non sono stata soddisfatta del sapore (e qui devo dire grazie allo staff di Via del Gusto per l'idea tanto semplice, quanto gustosa). Ho schiacciato le patate e le ho aggiunte al frullato di zucchine mescolando bene. Infine ho tagliato i fagiolini e li ho conditi con un filo di olio e un pizzico di sale.

Mi sono poi dedicata alla carne.
In una padella ho scaldato un po' di olio EVO, ho battuto le fettine mettendole tra due fogli di carta forno, le ho tagliate in porzioni più piccole e le ho infarinate (eliminando la farina in eccesso). Ho rosolato la carne nell'olio da entrambi i lati girandola solo una volta, ho regolato di sale e pepe quindi ho messo le fettine di carne a riposare in un piatto coperto e mi sono dedicata alla salsa.
Ho deglassato (per i profani come me fino a 10 giorni fa, si tratta semplicemente di sfumare) il fondo di cottura (olio e liquidi della carne) con il vino bianco facendo sciogliere bene tutto il condimento rimasto dalla rosolatura. Ho quindi aggiunto il brodo (fondo di cucina) e lasciato andare qualche minuto, aggiungendo una punta di cucchiaio di farina per fare addensare meglio ed ho aggiunto il prezzemolo tritato. Ho infine rimesso le fettine nella padella girandole per farle ben insaporire di salsa.

Ho servito la mia frittura piccata (ops le mie scaloppine) con un po' di purè di zucchine e i fagiolini conditi.

le mie prime scaloppine e gli attrezzi del mestiere del bravo scaloppatore....dell'MTC


Note: l'assaggiatore ufficiale, perplesso quando ha visto il piatto ha apprezzato....e io, per una volta, posso dire di avere superato la maestra e di essermi silenziosamente vendicata del risotto al salto (ma questa è un'altra storia!!!)

Con questo piatto partecipo all'MTC di giugno


12 commenti:

  1. mi piace molto! e l'accompagnamento è molto azzeccato e leggero!!!
    ciao :-)
    Francesca

    RispondiElimina
  2. ahahahahahah...hai usato termini troppo tecnici per la nonna.....ahahahahahahahah...le scaloppine sono perfette ma quello che mi stuzzica di più e' il pure' di zucchine...da provare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. povera nonna lei non sa cosa vuol dire deglassare......

      Elimina
  3. saggezza popolare, rosoli bene la carne e poi sfumi col vino e se serve allunghi col brodo, stop, questa è la scaloppina! ^_^
    il purè lo copio all'istante!

    RispondiElimina
  4. Semplice, essenziale, squisita: siamo onorate che tu abbia rielaborato per noi la ricetta della nonna ! Grazie mille
    Dani

    RispondiElimina
  5. Ciao Carlotta, anche tu alle prese con le scaloppine vedo!
    Domani sera ci sarò anch'io a mangiare la pizza...sono davvero curiosa di conoscervi tutte!
    Nel frattempo divento tua follower!
    ciao a domani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A domani.....anch'io sono curiosa....nel frattempo domani farò un'incursione anche a "casa tua"

      Elimina
  6. sarà il caldo ma il purè è stato molto apprezzato anche dal maritino....

    RispondiElimina
  7. Semplice ma eseguita perfettamente e molto gustosa. Poi questo puré freddo di zucchine e fagiolini mi piace moltissimo, bravissima tu ma anche la nonna direi :D

    RispondiElimina
  8. Evviva la nonna, che deglassa e usa fondi di cucina senza nemmeno saperlo!!! :-D
    Bellissima la ricetta e freschissimo il contorno!

    RispondiElimina
  9. Carlotta sei uno spasso. Da *scritta* come di persona. Belle le tue scaloppine... opps la frittura piccata!
    Brava e ... da oggi ti seguo ufficialmente!!
    Nora

    RispondiElimina