sabato 22 settembre 2012

Di necessità, virtù: polpettone in crosta

Ogni volta che mi capita di servire qualcosa di particolarmente gustoso sono soddisfatta, se poi riesco a utilizzare alcune cose in scadenza per realizzarlo sono ancora più soddisfatta; la mia soddisfazione raggiunge poi il massimo quando quello che ho preparato non è solo buono, ma anche bello e profumato!

Trovo infatti che in cucina, la differenza tra mangiare e nutrirsi stia proprio nel giusto equilibrio tra profumo, sapore e vista (e perchè no...anche l'"economicità" del piatto!!!)

Questo polpettone racchiude tutti gli elementi: nato come un normalissimo polpettone nel corso della preparazione ha subito numerose modifiche, dovute a ispirazioni del momento e ad una più attenta osservazione del frigorifero, che hanno determinato un ottimo risultato.




INGREDIENTI

450 gr di macinato di manzo
300 gr di funghi champignon già trifolati
100 gr di prosciutto crudo
1 rotolo di pasta sfoglia
1 uovo e 1 tuorlo
50 gr di parmigiano grattugiato
2 fette di pane raffermo
1/2 bicchiere di latte
1 bicchiere di vino bianco
1 bicchiere di brodo
sale, pepe, noce moscata, olio evo

Ho messo il pane ad ammollare in mezzo bicchiere di latte. Ho mescolato la carne macinata con l'uovo leggermente sbattuto, il pane ben strizzato, il parmigiano. Ho unito metà dei funghi, regolato il sapore con sale, pepe e noce moscata e steso l'impasto su un rotolo di carta forno dandogli una forma rettangolare. Ho messo al centro i funghi restanti e, aiutandomi con la carta, ho chiuso il polpettone sigillandolo bene.
In una pirofila (idonea sia per il forno che per la fiamma) ho messo un paio di cucchiai di olio, ho rosolato sulla fiamma (proteggendo la pirofila con la retina spargifiamma) il polpettone da tutti i lati; ho quindi aggiunto il vino bianco ed il brodo, coperto con l'alluminio e messo in forno già caldo a 180° per circa 30', ho quindi tolto la stagnola e terminato la cottura per altri 15 minuti.

Trascorso questo tempo ho avvolto il polpettone in carta forno e l'ho fatto raffreddare, tenendo da parte il sugo. Su un altro foglio di carta forno, ho fatto un rettangolo con il prosciutto, al centro ho messo il polpettone ormai freddo e ho avvolto il prosciutto intorno al polpettone. Ho trasferito il polpettone sulla pasta sfoglia, ho tagliato (in maniera simile a frange) la parte eccedente di pasta e ho richiuso il polpettone facendo un intreccio con la pasta e sigillando bene ogni singolo pezzo. Ho quindi spennellato la pasta con il tuorlo leggermente sbattuto e ho messo in forno il polpettone per circa 25 minuti finchè non è risultata ben cotta la pasta.




Poco prima di servire, ho fatto ridurre un po' il sugo in un pentolino ed ho preparato un veloce purè di carote e patate per accompagnarlo.

NOTA: la preparazione è un po' lunga, ma si può cuocere il polpettone prima (anche il giorno prima) e terminare al momento di mangiare con la cottura della "crosta". 


6 commenti:

  1. La bravura non è cucinar sui tacchi come la Parodi... la bravura vera, in cucina, è cucinare.
    Tu ci riesci, come sempre, in maniera egregia.
    Un intreccio e una crosta per una veste degna della tavola della festa.
    Buonanotte Totta!
    Nora

    RispondiElimina
  2. Beh dai anche a cucinare sui tacchi ci vuole una certa arte...io mi romperei una gamba dopo un minuto!!!

    Hai proprio ragione questo piatto è molto tavola della festa....:-)

    RispondiElimina
  3. Bravissssiiiimmmaaaa! Sempre ottima cheffola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)....come direbbe qualcuno....gongolo!!!

      Elimina
  4. Questi sono proprio i piatti che mi intrigano di più! Mia suocera fa un ottimo strudel di carne... ma credo che questa tua proposta batta di gran lunga la sua! Cosa darei per una fettina :D

    RispondiElimina
  5. Mmmmmm.....strudel di carne??? Mi ispira, com'è, com'è??? Purtroppo è già finito sennò una fettina te la mandavo volentieri!!! :-D

    RispondiElimina