domenica 13 gennaio 2013

Pici verdi: broccoli, pancetta e mollica abbrustolita

Ho iniziato questo post dieci volte e dieci volte ho cancellato...è come se mi prendesse il blocco dello scrittore...per fortuna che non sono uno scrittore...
L'idea di questo piatto mi è venuta una sera mentre camminavo in casa (neanche 75 metri quadri commerciali) tra una stanza e l'altra.
E pensare che quando avevo letto la ricetta del mese proposta da Patty e le regole a cui attenersi per partecipare all'MTC avevo già visualizzato nella mia testa la versione che avrei provato, avevo fatto la spesa ed era tutto pronto...poi però l'immagine nella mia testa è cambiata e ho deciso di seguire l'impulso...
Ingredienti semplici per un piatto semplice, ma di effetto...perchè come dice Gordon Ramsey (che deve avere degli antenati toscani senza dubbio) bastano pochi ingredienti, ma che siano di ottima qualità per preparare un'ottima pietanza.
I miei Pici fanno un'incursione nel sud Italia e rielaborano un piatto che (guarda un po' che caso) spesso prepara mia suocera.


PICI E BROCCOLI CON PANCETTA E MOLLICA ABBUSTOLITA


INGREDIENTI

Per la pasta:
150 gr di farina 00
75 gr di farina di semola rimacinata
150 gr di broccoli
2 cucchiai di olio EVO
1 pizzico di sale
acqua q.b. (io ne ho usati circa 50 ml)

Per il condimento:
150 gr di broccoli
100 gr di pancetta
30 gr di pane grattugiato
1 spicchio di aglio
1 peperoncino
Olio EVO
Vino bianco secco

Per prima cosa ho fatto la pasta seguendo le indicazioni e le note di Patty.
Ho bollito i broccoli in acqua salata (tenendo da parte l'acqua di cottura), li ho fatti raffreddare e li ho frullati con il frullatore ad immersione.
Ho setacciato insieme le farine, fatto la classica fontana mettendo al centro il pizzico di sale, la purea di broccoli e l'olio ed ho iniziato ad impastare aiutandomi prima con la forchetta poi a mano aggiungendo un po' di acqua quando necessario. Ho impastato per una decina di minuti fino a rendere l'impasto liscio. L'ho quindi coperto con la pellicola e lasciato riposare un'oretta.

Trascorso il tempo del riposo ho "filato" i pici facendo delle striscioline di pasta che ho poi rollato fino ad allungarli sotto al palmo delle mani. Li ho quindi messi su un vassoio spolverandoli con la semola per non farli attaccare.

Ho riportato a bollore l'acqua di cottura dei broccoli per cuocere i pici (che saranno pronti quando vengono a galla).
Nel frattempo ho rosolato in una padella uno spicchio di aglio e il peperoncino in un paio di cucchiai di olio ed ho aggiunto i broccoli facendoli insaporire per qualche minuto. In un'altra padellina ho tostato il pane grattugiato in un goccio di olio evo. Ho frullato i broccoli con il loro olio (togliendo l'aglio e il peperoncino) aggiungendo un paio di cucchiai di acqua di cottura della pasta fino ad ottenere una salsa semi-liquida. Nella stessa padella dei broccoli ho rosolato la pancetta aggiungendo un paio di cucchiai di olio e sfumando con il vino bianco. 
Ho quindi scolato i pici, li ho conditi con il sugo della pancetta e li ho impiattati mettendoli su un letto di salsa di broccoli e finendo con le briciole di pangrattato.

Che aggiungere? Buonissimi!!!!




Con questa ricetta partecipo all'MTC di gennaio




20 commenti:

  1. ma sai che lo volevo usare anch'io il pane? mi intriga moltissimo questo picio verde!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rustico e delicato al tempo stesso.....fa molto Masterchef de' noantri.... :-)

      Elimina
  2. la prima pasta colorata in concorso! per giunta in una versione molto aderente al tema,con quelle briciole di pane che sono un altro filo conduttore della cucina povera e a km zero e che qui si abbinano perfettamentee alla pancetta, equilibrandone il grasso. Bello anche il gioco delle consistenze e interessante la scelta di insistere sul sapore del broccolo, sia nella pasta che nel sugo, in modo da far risaltare meglio i contrasti di sapori.
    Proprio brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarò ripetitiva...ma grazie a voi che ogni volta riuscite a svegliare la mia fantasia....

      Elimina
  3. li voglio anch'io, questi verdissimi e vivissimi pici. i broccoli poi sono fra le mie verdure preferite, e li immagino davvero saporiti!
    bellissima ed originale interpretazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che fino a poco tempo fa non li mangiavo...mentre adesso sto provando tutte le variazioni sul tema che mi vengono in mente....
      :-)

      Elimina
  4. Mollica abbrustolita...bell'idea!
    Sai che vista così mi ha fatto pensare a della bottarga sbriciolata, toccherà provare!

    Un saluto

    Fabi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mumble mumble mumble....avrei proprio quel vasetto di bottarga in dispensa......toccherà provare....
      :-p

      Elimina
  5. E adesso viene la voglia di provarli di tutti i colori!!! ;)

    Ottimo piatto in tutti i sensi! :)

    RispondiElimina
  6. Il picio verde! Sarà che il verde è un colore che mi piace e che come te non ho resistito a provare versioni colorate di altre paste a base di acqua e farina. E' sempre emozionante cercare di riconoscere il sapore degli ingredienti in particolare delle verdure quando queste prendono una forma diversa e trovo questa tua interpretazione molto felice, perché segue il tema della schiettezza del mangiare contadino, del risolvere la necessità di sfamarsi non rinunciando al sapore. Complimenti Carlotta. Un grande abbraccio, Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per avermeli fatti scoprire....dopo il successo di questa versione "lo famo strano" ne arriveranno sicuramente altri...per ora nella testa sono due.....

      Elimina
  7. Un trionfo di colori e di sapori!!!!

    RispondiElimina
  8. Ho appena mangiato... Ma, improvvisamente, mi è tornata la fame... Che belli e che buoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho appena mangiato...ma ripensandoci torna fame anche a me

      Elimina
  9. Totta non li avevo ancora visti... sono bellissimi e ho i broccoli che ho comperato ieri.. pancetta in casa c'è sempre e le briciole pure... Domani sera mi metto a far l'impasto e poi a filarli ci penserò Martedì.
    Buona notte bambina.
    Nora

    RispondiElimina