lunedì 21 maggio 2012

Millefoglie di budino salato agli spinaci in gabbia

Print Friendly and PDFPartecipare all'MTChallenge non è una cosetta da niente... Ingenuamente prima della mia prima partecipazione pensavo: "ma si, cosa ci vuole? ti propongono un piatto, lo personalizzi a tuo gusto, lo prepari, lo fotografi e lo pubblichi....che ci vuole?"
Si che ci vuole....ci vuole che solo vedere le proposte degli altri concorrenti o ti fa passare la fantasia o ti fa scatenare la fantasia....già solo gli ingredienti che a volte vengono utilizzati, dei quali io da brava ignorante gastronomica ignoravo totalmente l'esistenza, e alcuni abbinamenti da fanta-cucina....poi le presentazioni, le fotografie...ce ne sarebbe a sufficienza per scoraggiare qualsiasi persona normale...
Io tanto normale non lo sono mai stata e così anzichè gettare la spugna mi sono gettata a capofitto...e la fantasia si è risvegliata; cucinare (e non solo per l'MTC) non si limita più al significato letterale della parola, ma è diventato una progettazione.....degli abbinamenti, dei sapori, dell'immagine finale.
I budini salati di Francesca (la proposta dell'MTC del mese di maggio) più delle altre sfide (poche a dire il vero) a cui ho partecipato finora, mi hanno stimolato la fantasia e così tra gli altri è nato questo budino agli spinaci, con accompagnamento di crema pasticcera salata. Elementi questi, il parmigiano, gli spinaci e le uova che hanno caratterizzato spesso le mie cene di bambina e che ho voluto riadattare in questo modo.

Per i budini (con i soliti stampini usa e getta me ne sono venuti 3) ho usato secondo le indicazioni di Francesca:
4 cubetti di spinaci surgelati
1 uovo
50 ml di panna
15 gr di parmigiano
sale

Per farli, dopo aver lessato gli spinaci, fatti raffreddare e strizzati bene, ho seguito passo passo le sue indicazioni. Ho frullato gli spinaci con la panna, ho aggiunto l'uovo, il parmigiano e regolato di sale. Ho quindi messo l'impasto negli stampini precedentemente unti e l'ho cotto a bagnomaria in forno a 180° per 35-40 minuti circa. Li ho fatti raffreddare e li ho sformati (benissimo n.d.r).

Per la crema pasticcera ho adattato (nelle dosi) una ricetta di Montersino che ho trovato qui:
40 gr di tuorli d'uovo
130 gr di latte
35 gr di panna
12 gr di Maizena (Amizea di Molino Chiavazza)
35 gr di parmigiano grattugiato
15 gr di burro
noce moscata

Ho portato a bollore il latte; nel frattempo ho mescolato il parmigiano con la maizena e ho aggiunto la panna mescolando bene. Appena il latte ha preso il bollore ho aggiunto il composto con il parmigiano e ho mescolato bene con la frusta per evitare la formazione di grumi. Ho quindi fatto addensare la base tenendola sul fuoco qualche minuto sempre mescolando. ho aggiunto i tuorli, sempre sul fuoco, mescolando con la frusta per un minuto circa. A questo punto ho tolto dal fuoco, aggiunto il burro e la noce moscata e ho messo la crema in una ciotola per farla raffreddare. Per evitare che facesse la "pellicina" l'ho ricoperta a contatto con la pellicola.

Per fare la griglia di parmigiano ho messo su un quadrato di carta forno (appoggiato in una teglia) il parmigiano grattugiato facendo delle linee che si intersecavano, aiutandomi con una mini sac-a-poche e un coltello. In questo modo è venuto un quadrato grigliato che ho passato in forno caldo a 180° per qualche minuto finchè il formaggio non si è sciolto.

Ho quindi montato il mio millefoglie:
Ho tagliato il budino a fette orizzontali, farcito ogni fetta con un po' di crema e rimontato a torretta.
Ho quindi preso la "griglia" di parmigiano dal forno (ancora bollente e quindi morbida) e aiutandomi con la carta forno ho ingabbiato il mio budino.



Veduta dall'alto
Veduta laterale


Come sempre la cosa più difficile è stata fare le fotografie...per fortuna il tempo è stato clemente e mi ha concesso un po' di sole.....

Anche questo budino sarà presente su uno dei buffet della prossima estate, nel frattempo mi permette di partecipare all' MTC di maggio



9 commenti:

  1. Ma come vi devo dire basta?
    Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla tranquilla....non posso competere con i tuoi lollipops...(che tra l'altro ho già segnato come da copiare...)

      Elimina
  2. Wow, che bella proposta! Sei sempre molto originale e scenografica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedessi cosa propino alle volte a mio marito!!!....ritratteresti subito!!! :-)

      Elimina
  3. Ok, confesso: mi hai conquistata già dall'introduzione, e da questo nuovo modo di cucinare di cui ci sentiamo un po' responsabili. Ma quando diciamo che il bello dell'mtc è l'arricchimento personale intendiamo riferirci proprio a questo: non è che partecipare a questo gioco vi insegni qualcosa. Semplicemente, vi mette in condizione di tirar fuori il meglio di voi :-) tutta roba che già c'era, ma che aveva forse bisogno dello stimolo giusto per esprimersi. E, in questo senso, la carrellata di ricette che arrivano ogni mese, fa il suo dovere, fino in fondo.
    ci aggiungiamo la tua, perchè sono certa che anche questa seconda proposta avrà i complimenti che merita. A cominciare dai miei, che partono dalla nota tecnica (ettecredo che lo hai sformato benissimo, quel budino: altrimenti col cavolo che saresti riuscita a tagliarlo!)e arrivano alla parte creativa, passando per un'armonia di gusti antichi, che si rinnovano nelle forme e nei sapori. Promosso a pieni voti, insomma!
    grazie ancora per tutto
    ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tecnica in realtà è frutto della ben nota botta di c....:-p
      Grazie a voi per la "promozione"

      Elimina
  4. mi piace l'idea di ripresentare in modo diverso i piatti della tradizione o che fanno parte dei nostri ricordi da bambina ..... a te e' riuscito particolarmente bene!! brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i sapori tradizionali non si sbaglia mai....se poi si riesce a "svecchiarli" meglio!!! Non trovi?

      Grazie :-)

      Elimina
  5. quanto entusiasmo e quanto impegno, l'idea della gabbia di parmigiano è bellissima e che gusto con la crema salata, bravissima!!!
    ciao!
    Francesca

    RispondiElimina